Illustrazione di I. Galanin per "Alice" di K. Bulychev, 1977

K. Bulychev, "Alice", 1977

Nato nel 1930 a Zagabria, Darko Suvin è studioso di teatro e letteratura fantascientifica. Ha insegnato dal 1959 Letteratura all’Università di Zagabria e dal 1968 Letteratura inglese e comparata alla McGill University di Montreal, Canada.

Per diversi anni ha curato la rivista "Science-Fiction Studies", pubblicazione nata nel 1973 e interamente dedicata agli studi critici sulla fantascienza. In Italia è stata tradotta la sua opera più importante Le metamorfosi della fantascienza (Il Mulino, 1985).

La collezione di monografie e periodici dal 1940 ad oggi donata all’Università degli Studi di Milano, è stata suddivisa tra la biblioteca del Polo di Mediazione linguistica di Sesto San Giovanni e il Centro Apice, al quale sono pervenuti 4200 volumi di fantascienza e 3000 di teatro.

I volumi di fantascienza, per lo più assenti nelle biblioteche italiane, comprendono testi e raccolte inglesi, americane, francesi, russe, slave e dell’estremo oriente, mentre i testi sul teatro sono dedicati al teatro occidentale (epoca elisabettiana e Bertold Brecht) e orientale, cinese e giapponese.


Il fondo è catalogato e consultabile dall’OPAC d’Ateneo.